.
Annunci online

Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato, quando l'ultimo albero sarà abbattuto, quando l'ultimo animale sarà ucciso, solo allora capirete che il denaro non si mangia
aboliamo le elezioni !!!
post pubblicato in Diario, il 28 ottobre 2008
Premetto che, come ben sa chi mi legge su questo piccolo blog mi sento lontano anni luce dal sistema partitico attuale, che lo reputo assolutamente antidemocratico e funzionale al mero perseguimento dell’interesse di poteri oligarchici; ma questa sera ho sentito delle parole che mi hanno sinceramente indignato.

Non è democraticamente ammissibile che si vada a dire in pubblico che le preferenze vanno eliminate dalla legge elettorale in quanto al Parlamento Europeo deve andare una “squadra di professionisti” composta da “gente altamente qualificata'' !

Scusate, ma si sta praticamente dicendo che i cittadini non sono in grado di decidere chi debbano essere i loro rappresentanti e che qualcun altro, al posto nostro, deve decidere quali sono le persone meritevoli di ciò.

In base a questa tesi le preferenze alimenterebbero soltanto clientele, aumentando i costi della politica e magari non avrebbero consentito la elezione di talune delle eccelse menti oggi in Parlamento (dramma tra i drammi visto l'altissimo livello del nostro personale parlamentare).

Mi permetto di suggerire una strada ancora migliore, aboliamo proprio le elezioni (costose e clientelari anch’esse), si decida a priori anche il partito (unico) e finiamola li.

in difesa di Ciriaco De Mita !!!! lo so puo sembrare folle ma....
post pubblicato in Diario, il 21 febbraio 2008
Come noto, almeno a chi mi conosce, io non ho mai amato il modo Demitiano di gestire il potere, perchè non amo chi comanda e figuriamoci chi lo fa con arroganza e protervia, non sono mai stato ne Demitiano, ne nel suo partito sia prima che dopo che mai; non corro quindi il rischio di essere considerato difensore d'ufficio di De Mita, voglio però dire la mia opinione sulla sua esclusione dalle candidature del PD e faccio l'avvocato del diavolo partendo da alcune domande:
  • perchè Marini si e De Mita no?
  • perché la moglie di Fassino si e De Mita no?
  • perchè Veltroni si e De Mita no?, anche uolter mi pare abbia più di due legislature sulle spalle
  • è rinnovamento proporre a Ciriaco De Mita "non candidarti e candida tua figlia" ?
  • è rinnovamento nominare (perché non si può dire eleggere) in parlamento una miriade di "figli di" eccellenti (anche Crozza ha preseo per il culo uolter sulla questione)?

il problema non è ne di metodo ne di merito bensì, come tutta la politica al giorno d’oggi, solo di immagine, ossia uolter vuole semplicemente sganciarsi dalla monnezza Campana come si è sganciato dal governo Prodi (non candidato come il vampiro Visco).

Vuole cioè che coloro che nel resto d’Italia "sporcano" l’immagine del "nuovo" PD, ossia Bassolino e De Mita, visti come responsabili della peggiore emergenza sanitaria e direi etica della nazione la cronicità rifiuti (dire emergenza è ridicolo ed etimologicamente sbagliato), siano fuori (De Mita) o ai margini (Bassolino) dello stesso PD che li ha messi li.

In questa maniera uolter perde qualcosa in Campania ma ne guadagna in immagine nel resto della nazione e questo alla faccia del rinnovamento che non c’entra un beep e del metodo che come vi ho dimostrato non è stato seguito per molti altri.

saluti

Sfoglia settembre        dicembre
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca